AID Italia - La risposta alle tue domande sulla dislessia

Aid sezione di

Reggio Emilia

Prorogata la validità delle diagnosi, nell'ambito dell'emergenza Covid-19

Rinnovo segnalazione scolastica di DSA: novità in Emilia Romagna

Rinnovo segnalazione scolastica di DSA: novità in Emilia Romagna

A ormai 10 anni della Legge 170 il come fare ad accedere ad una diagnosi sembra essere ormai chiaro ai più, come chiaro sembra anche il fatto che essa rappresenti il primo passo per la predisposizione di quanto occorre a fare emerge talenti e potenziali!

In Emilia Romagna la diagnosi di DSA può essere redatta da professionisti pubblici o privati e, in questo secondo caso, dove essere corredata dal documento di conformità dell’Azienda USL di riferimento.

La diagnosi, propriamente detta, è, in realtà, contenuta nel documento della segnalazione scolastica per DSA, documento che ha valore legale e che ovviamente è e deve essere molto più ampio di una semplice etichetta. Esso descrive il profilo di funzionamento in una certa fase dello sviluppo della persona, con difficoltà e punti di forza, contiene indicazioni pratiche sul da farsi ed informazioni per la programmazione educativa e didattica, come ad esempio gli strumenti compensativi e le misure dispensative ritenute idonee.

Poi, ovviamente, i bambini e le bambine crescono, diventano ragazzi e ragazze e giovani donne e uomini e cambiano anche le loro difficoltà, diminuendo in alcune cose e/o aumentando in altre, sviluppano strategie e compensazioni, cambiano nelle loro motivazioni e negli obiettivi di apprendimento. Ecco perché è necessario che le loro segnalazioni siano aggiornate, così da rispondere alle esigenze evolutive, da una parte, come alle richieste del ciclo di istruzione, dall’altra.

Ogni quanto è, quindi, necessario aggiornare la segnalazione di DSA?

Solitamente non prima dei tre anni dalla data del rilascio e, in particolare, nelle seguenti due situazioni:

  • al passaggio da un ciclo scolastico all’altro (dalla scuola primaria alla secondaria di I grado, da questa alla secondaria di II grado e da questa all’Università);
  • ogni qualvolta sia necessario modificare l’applicazione degli strumenti didattici e valutativi necessari, su segnalazione della scuola alla famiglia o su iniziativa della famiglia.

Probabilmente le famiglie che hanno già avuto esperienza di una segnalazione di DSA conoscono queste tempistiche e forse è proprio in questo periodo che la segnalazione in loro possesso andrebbe rinnovata. Ma questo rinnovo ora non sembra cosa facile.

Rinnovo segnalazione scolastica di DSA: le novità legate all'emergenza Covid-19

L’emergenza sanitaria che da fine febbraio sta attraversando il nostro Paese ha richiesto una rivoluzione della maggior parte delle professioni e degli ambiti, compresi quello didattico e sanitario, comportando, per la salvaguardia della salute collettiva, riorganizzazioni e limitazioni dei servizi. In questo senso, nasce la necessità di adattare alcune normative ed indicazioni al periodo che stiamo vivendo.

A questa necessità risponde la nota congiunta del 21 aprile 2020, attraverso la quale l’Ufficio Scolastico Regionale e la Direzione generale, Cura della persona, Salute e Welfare della Regione Emilia-Romagna hanno “concesso” un po’ di tempo per i rinnovi.

In questa nota, infatti, oltre a sottolineare come i PDP (Piani Didattici Personalizzati) degli alunni/e con DSA e con Bisogni Educativi Speciali (BES) vadano garantiti e rispettati anche e, noi sosteniamo soprattutto, nella DaD, fornisce indicazioni sugli attuali tempi di rinnovo diagnostico.

In particolare, chiarisce come per il prossimo anno scolastico, siano considerate automaticamente rinnovate tutte le segnalazioni scolastiche di DSA già in essere.

Ecco quindi che la famiglie possono concentrarsi sullo stare accanto ai loro figli/e in questo periodo non facile in generale e in particolare per le giovani menti alle prese con i “piccoli” enormi esami della vita e scolastici. Al rinnovo della diagnosi ci si può pensare più in là!

A cura della Dott.ssa Bianca Trifirò, Psicoterapeuta, Formatrice AID

Condividi
Questo sito web utilizza dei cookies tecnici e cookies di terze parti, al fine di raccogliere informazioni statistiche sugli utenti. Per saperne di più e per la gestione di tali cookies, continua con la lettura. Se prosegui la navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso (ad esempio, di un'immagine o di un link) manifesti il tuo consenso all'uso dei cookies e delle altre tecnologie di profilazione impiegate dal sito. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. AUTORIZZO.